Vi auguro un anno spettinato ma autentico

Sono in ferie da una mezz’oretta e sto sorseggiando una tisana allo zenzero per scaldarmi dalla neve che oggi ha imbiancato Zurigo. Domani si parte per le vacanze di Natale, un po’ anticipate quest’anno, ma assolutamente necessarie. È stato un anno denso, carico di emozioni, di passi importanti per il futuro e di tanti progetti conclusi. Se mi chiedeste quale sia stato il fil rouge di questi 12 mesi vi risponderei: “niente è stato come mi aspettavo che fosse”.

Nel bene e nel male.

In realtà sono abbastanza serena circa questi cambiamenti di percorso non preventivati, ma di certo mi hanno fatto riflettere. E con gli auguri che sto per farvi (e farmi) spero di aggiungere un pizzico di saggezza da trasferire al prossimo anno, perché l’esperienza possa sempre guidarci nella coltivazione di noi stessi e nella nostra evoluzione.

“Qualunque fiore tu sia, quando verrà il tuo tempo, sboccerai, poiché non esiste fiore migliore di quello che s’apre alla pienezza di ciò che è. E quando ti avverrà, potrai scoprire che andavi sognando di essere un fiore che aveva da fiorire”.

Daisaku Ikeda

Imparate a cadere come la neve

È la frase di una canzone di Giorgia e Marco Mengoni che ho scoperto per caso la scorsa settimana. Le cadute, i passi falsi, gli ipocriti, gli sfruttatori, gli imprevisti… capiteranno di certo. Ma voi… saprete essere lievi? Saprete cadere come la neve? Morbidi, eleganti e pronti a trasformare un problema in un’opportunità? // Ph: Photo di Aaron Burden per Unsplash.

Fiocco di neve

Siate autentici

Negli ultimi tempi si è fatto sempre più evidente il desiderio smodato di sembrare chi non si è. Questo mi rende molto triste. Dai falsi amici ai fake follower su Instagram… che ne dite di invertire la rotta e tornare ad essere più genuini? E anche più onesti in fondo… Non sarà poi così drammatico, e sulla lunga distanza gli effetti positivi saranno più numerosi di quelli negativi non solo per voi ma anche per le persone che vi circondano. // Ph: Felipe Elioenay per Unsplash.

Praticate il buon senso (e un po’ di ironia)

L’ho scritto recentemente anche nel mio manifesto qui sul blog: il buon senso è purtroppo sempre meno praticato… e pensare che a volte basterebbe un pizzico di ragionevolezza per risolvere in maniera positiva situazioni di stallo. Ph: Photo Annie Spratt per Unsplash.

Vi auguro un anno spettinato, bellissimo nella sua imperfezione, e soprattutto autentico.

Auguro di buon anno

You May Also Like

Il mio matrimonio in Toscana. Bouquet

Vivere a Zurigo e organizzare un matrimonio in Toscana

La doppia vita dell’expat

Breve lettera sulla frivolezza

Zurigo, panorama dal Lindenhof

Quattro cose che ho imparato vivendo a Zurigo

4 thoughts on “Vi auguro un anno spettinato ma autentico”

Rispondi